Pasta (Barilla) servita in 3Dprinter

Barilla si è affidata al sito di crowdsourcing Desall per sondare con un concorso, la possibilità di produrre nuove forme di pasta con l’utilizzo di tecnica a stampaggio 3D.

La pasta può sembrare un “articolo” banale, ma non lo è affatto… oltre al fatto che “anche l’occhio vuole la sua parte” e in questo caso rende più o meno appetibile il prodotto, deve avere densità e spessori, che garantiscano un cottura equilibrata e “trattenere” il più possibile il condimento.

Ad ogni modo, questo il risultato del concorso e i suoi tre primi classificati:

Barilla

In ordine di apparizione:

  1. TURBINE designed by Andreas Anedda
  2. WATER LILY designed by Cornelius Comanns
  3. PIGNABARILLA designed by Marco Ferrarin

Che ve ne pare?
A parte Water Lily, che mi pare un po’ impegnativa all’imboccamento, non dispiacciono… Turbine è certo quella che più delle altre innova forme già conosciute e apprezzate.

Vedremo se ce le troveremo nei piatti di qui a poco….
Buon appetito!


 

Annunci