Come ti reinvento il phon | The hair dryer is renewed

 

Dyson, azienda certamente ben più nota sul mercato per i suoi aspirapolvere, ha presentato un nuovo e per certi versi rivoluzionario, modello di phon o asciugacapelli che dir si voglia (il video qui sopra è piuttosto esplicativo).

Nuovo perché… è nuovo, rivoluzionario perché affronta in modo decisamente innovativo, l’approccio tecnico e funzionale di un oggetto di per sé piuttosto semplice come un asciugacapelli, che potremmo definire un semplice convogliatore di aria forzata.
Schema

 

In questo disegno schematico, pur di un modello recente e abbastanza compatto, vediamo come l’ingombro maggiore è dato dal gruppo motore-rotore… diciamo le “pale rotanti” che introducono l’aria esterna in un condotto forzato, spingendola tra i filamenti della resistenza elettrica che la scalda, spingendola infine verso l’esterno.

Bene, Dyson ha dato la sua interpretazione di questo semplice schema:

Confronto

dyson-supersonic-hair-dyer-designboom-06-818x793

Anzitutto ha miniaturizzato il motore-rotore a soli 27 mm di diametro e capace di raggiungere gli 110.000 giri al minuto (!) che garantisce un flusso  d’aria di ben 41 litri al secondo, e dove lo ha inserito?

x-ray-sound-reduction-technology-AnIF

2310970329001_4855675196001_4855649194001-vs

All’interno dell’impugnatura. Soluzione che tra l’altro dà un nuovo e migliore baricentro all’oggetto (non abbiamo più il peso maggiore posizionato nella parte alta, che restituiva la sensazione che si ottiene impugnando un martello…)

 

L’aria è comunque aspirata dalla parte posteriore del phon e “rilanciata” verso l’uscita, dopo essere stata riscaldata, attraversando un percorso obbligato, che credo sfrutti anche l’ “effetto venturi” (ma non chiedetemi di più…).

dyson-air-multiplier-technology-bg

2310970329001_4855297571001_4815299506001-vs

 

La resistenza che scalda l’aria è gestita da un microcip che garantisce temperatura corretta e costante.

dyson-supersonic-hair-dryer-intelligent-heat-control-system-bg

dyson-supersonic-hair-dyer-designboom-07-818x573

 

Ad ogni modo, tecnica a parte, quello che otteniamo è questo bell’oggetto: dyson supersonic

 

Acquisizione a schermo intero 01052016 000412

dyson-supersonic-hair-dyer-designboom-011-818x668

dyson-supersonic-hair-dyer-designboom-header

dyson-supersonic-hair-dyer-designboom-gallery10

 

Decisamente una bella innovazione…
e certamente un ricerca di design non fine a se stessa, anzi senza l’innovazione tecnologica, questo design non avrebbe potuto essere.

dyson-supersonic-hair-dyer-designboom-gallery12

Trovate il tutto molto ben descritto qui: http://www.dyson.it/haircare/supersonic.aspx

E’ interessante anche notare come l’assorbimento sia di soli 1600 watt. Dico soli perché sono molti gli asciugacapelli da casa che superano da soli i 2000 watt di potenza.

E se volete un’elegante custodia da viaggio (a quanto pare ad edizione limitata) c’è anche quella.

limited-edition-leather-travel-case-exclusive-bg


 

Annunci